Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Medical Meeting

I corticosteroidi e i fattori di rischio cardiovascolari tradizionali peggiorano gli indici aterosclerotici nei pazienti con artrite reumatoide


La terapia con corticosteroidi e i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare sono stati associati al peggioramento dell'aterosclerosi subclinica.
Nei pazienti con artrite reumatoide, i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare e i corticosteroidi possono aumentare il rischio di peggioramento degli indici di aterosclerosi subclinica in un periodo di 1 anno.

Sono stati presi in esame i fattori associati alla progressione dell'aterosclerosi subclinica nei pazienti con artrite reumatoide con fattori di rischio cardiovascolare tradizionale sottoposti a trattamento specifico.
Lo studio ha arruolato 137 pazienti consecutivi ( fascia di età, 18-75 anni ) con artrite reumatoide e ritmo sinusale stabile che non avevano precedenti eventi cardiovascolari.
L'attività di malattia è stata valutata mediante il punteggio DAS28(CRP).
L'ecografia delle arterie carotidi è stata eseguita in 105 pazienti ( età, 59.34 ± 11.65 anni ) dopo 1 anno per identificare placche ateromatose e misurare lo spessore intima-media ( cIMT ) e la distensibilità segmentale della carotide ( cCD ).
Le placche rappresentavano un altro gruppo di indici di aterosclerosi che sono stati valutati al follow-up.

Dopo 1 anno, è stato osservato un peggioramento dello spessore cIMT ( Δ-cIMT, 0.030 ± 0.10 mm; P = 0.005 ), cCD ( Δ-cCD, −1.64 ± 4.83; P = 0.005 ) e placche ( Δ-placche, 8.6%; P = 0.035 ) rispetto al basale.
La terapia con corticosteroidi e i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare, inclusi età, pressione arteriosa media e diabete mellito, sono stati associati al peggioramento dell'aterosclerosi subclinica in questa popolazione di pazienti.
Il peggioramento degli indici di aterosclerosi subclinica era rilevabile solo nel gruppo di pazienti con artrite reumatoide che avevano una malattia attiva.

Le limitazioni di questo studio includevano la mancanza di un gruppo di controllo, la mancanza di dati sugli anni di fumo dei pazienti e l'inclusione di pazienti che avevano principalmente una remissione o una attività di malattia di basso grado.

Dallo studio è emerso che la malattia aterosclerotica può essere rallentata nei pazienti con artrite reumatoide attraverso il raggiungimento della remissione dell'attività infiammatoria dell'artrite. ( Xagena2020 )

Fonte: Hypertension Research, 2020

Cardio2020 Reuma2020 Farma2020


Indietro